City car che emulano il “cellulare” e car sharing elettrico: un’altra bella storia di matrice tricolore

icaro_logoOltre un anno fa, dalle pagine del mio blog, avevo riportato all’attenzione una delle tante storie di pionierismo italiano, ripercorrendo la strada del Commendator Angelo Dalle Molle imprenditore e filantropo padre del famoso amaro Cynar, che già agli inizi degli anni ’70, per grande passione personale,, aveva intuito e praticato i temi della mobilità elettrica urbana e del car sharing (vedi post “Auto elettrica, car sharing, “il logorio della vita moderna” e l’amaro Cynar: un pioniere e una storia da raccontare “). Sono passati oltre 40 anni dalle pionieristiche iniziative di Dalle Molle, e la mobilità elettrica è davvero oggi ad un passo dalla definitiva consacrazione, soprattutto a partire da quella urbana, per la quale i livelli di autonomia già conseguiti sul campo dai sistemi di accumulo sono più che sufficienti a proporre prodotti economicamente molto interessanti. Sullo specifico tema, rimango volentieri nel nostro paese e più precisamente in Toscana, per introdurre una city car biposto, dal nome suggestivo se interpretato letteralmente di iCar0, ma dal significato vero nella interpretazione alfanumerica di “i”nterconnected “Car” “0” zero emission.

icaroicar0 4b_0

Un progetto che ha visto riesumare una vecchia idea di molti anni fa, con una progettazione specifica e scrupolosa che ha permesso di implementare ottimizzazioni finalizzate a massimizzare le prestazioni, minimizzando i costi con la massima integrazione con le tecnologie ICT, con un design davvero accattivante, un elevato confort interno ed una attenzione strutturale di grande rilievo. La società nata appositamente per la diffusione del nuovo veicolo, “GreenGo” (link sito), è andata oltre la realizzazione dello stesso, creando un autentico “sistema di ricarica ecoefficiente”, adatto al contesto urbano e capace di integrare la generazione da fontiTS-LFP100AHA(B).cdr rinnovabili con un accumulo con tecnologia basato sul litio-ferro-fosfato (LiFePO4) della cinese Winston Battery (link sito) (foto a destra un modulo da 100 Ah), creando i presupposti per una ottimale gestione della ricarica del veicolo in modalità smart, con vantaggi per l’ambiente e per le nostre tasche. Il grande utilizzo delle soluzioni avanzate all’interno del veicolo non sono mai casuali o semplici ed adescanti “gadget elettronici”, ma dettate dalla forte integrazione del veicolo nella rete informativa globale. A seguire una tabella comparativa di iCar0 a confronto con una city car a benzina.

tabella_comparativa

Cuore pulsante della nuova city car, un motore da 6kW alimentato da una batteria al litio-ferro-fosfato da 72V da 150 Ah, con massimizzazione dellebms-advanced prestazioni grazie anche all’utilizzo dell’innovativo BMS (Battery Management System), un efficiente sistema di equalizzazione delle celle interamente sviluppato in Toscana da società partner di GreenGo, che assicura l’ottimizzazione dell’energia accumulata garantendo elevate performance, grande autonomia e lunga durata alle batterie. Si tratta di un sistema che non solo permette di identificare le eventuali anomalie registrate durante l’uso delle batterie ma consente di intervenire costantemente e in tempo reale per l’ottimizzazione dell’erogazione dell’energia fornita dal pacco batteria. In particolare il BMS consente di:

  • conoscere costantemente lo stato di salute del pacco batterie;
  • conoscere in tempo reale lo stato di carica e relativa autonomia effettiva;
  • conoscere la temperatura delle celle;
  • verificare e controllare la tensione e la corrente del pacco batterie;
  • individuare e intervenire sulle celle con tensione minima;
  • individuare e intervenire sulle celle con tensione massima;
  • rilevare i cicli di carica/scarica.

Nel BMS, ad ulteriore protezione del pacco batterie, è stato messo a punto anche uno speciale circuito di protezione hardware “ridondante”, che controlla i parametri limite di funzionamento di tutte le 24 celle elementari costituenti la batteria, capace di intervenire in caso di anomalie sul sistema di controllo software di riferimento. Venendo alla parte di interfaccia con il conducente, iCar0 è sempre connessa, essendo dotata di una SIM card, che, alla stessa stregua di un cellulare, la identifica univocamente, attraverso il touchsuo avanzato computer di bordo che gli permette di dialogare costantemente con la Centrale Operativa, denominata “Visual Tracker” per verificare in tempo reale tutti i parametri delle batterie e di funzionamento, prevenire guasti o avere indicazioni sulla stazione di ricarica più vicina. Un sistema così articolato ovviamente, nasce come “sistema aperto”, e quindi ampiamente personalizzabile per rispondere al meglio alle più diverse necessità o desideri del conducente. In maggior dettaglio a seconda del livello di allestimento e optional richiesti dal cliente. In particolare, il Visual Tracker può rendere disponibile sul proprio schermo soft touch:

  • navigatore satellitare GPS;
  • playlist audio MP3;
  • riproduzione video DivX;
  • radio FM;
  • visualizzatore immagini;
  • calendario;
  • calcolatrice;
  • ebook;
  • videogiochi, etc

Oltre alla parte personalizzabile come ad esempio:

  • verificare in tempo reale tutti i parametri delle batterie e di funzionamento del veicolo stesso, prevenendo guasti e programmando la manutenzione preventiva;
  • in caso di piccoli incidenti si potrà decidere se richiedere l’accompagnamento guidato all’officina autorizzata più vicina o l’intervento gratuito del carro attrezzi;
  • scambiare messaggi con centrale;
  • definire destinazione navigatore da centrale;
  • consultare cartografia della dislocazione dei punti di ricarica;
  • Fleet Management (visualizzazione posizionamento veicolo, Km percorsi, tempi di guida, sosta, e fermate, ecc.);
  • fornire informazioni su traffico stradale;
  • generare allarmi;
  • interazioni con il conducente.

Davvero una piattaforma di connettività che consentirà a tutti gli utenti, privati, flotte aziendali, car sharing, istituzionali, di gestire al meglio l’auto e, grazie a tutte le informazioni date dal Visual Tracker, anche tutti i momenti della giornata. Una flotta di iCar0 è già in servizio da tempo presso l’Aeroporto Internazionale “Galileo Galilei” di Pisa.

A seguire un esauriente filmato, “In viaggio con iCar0” che ci introduce alle caratteristiche della nuova city car toscana che vede proprio nel car sharing, che va sempre più diffondendosi nelle grandi città, la sua apoteosi di applicabilità

Sauro Secci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mobilità Sostenibile e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a City car che emulano il “cellulare” e car sharing elettrico: un’altra bella storia di matrice tricolore

  1. Pingback: Ecomobility 2014 a Montecatini Terme: per dare “Un futuro all’aria” e decisamente “elettrizzante” per la mobilità sostenibile | L'ippocampo

  2. Pingback: La mobilità elettrica nei nuovi scenari delle neostrade | L'ippocampo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...