Fao: in uno specifico rapporto i grandi benefici anche socio economici delle foreste

POSTER-COFO22_Inglese200Proprio alcuni giorni fa avevo parlato del centenario della costituzione del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, in riferimento ad uno dei pilastri fondamentali per la tutela della biodiversità (vedi post ” Parco Nazionale Foreste Casentinesi: un secolo di storia per un pilastro fondamentale per la tutela della biodiversità in Italia“ ). Altre volte ho avuto modo di approfondire il tema agroforestale anche dal punto di vista del potenziale energetico (vedi post “Foreste italiane: un giacimento inutilizzato di energia secondo ISPRA“). E’proprio sulla grande importanza del potenziale e dei riflessi economici e sociali che le foreste, gli alberi e i sistemi agroforestali hanno a livello planetario, fornendo occupazione, energia, nutrimento e una vasta gamma di altri beni e servizi ecosistemici alle comunità rurali, che si concentra un interessante Rapporto pubblicato dalla FAO, dal titolo “State of the World’s Forests” scaricabile in calce al post. Il Rapporto è stato presentato in apertura del meeting COFO 22, la “Settimana Mondiale delle foreste” (link sito), in svolgimento a Roma dal 23 al 27 giugno. L’evento, da oggi fino al 27, esaminerà lo stato delle foreste di tutto il mondo, concentrandosi sui loro beneficicopertina socioeconomici e le questioni connesse, compresi i redditi e l’occupazione. L’analisi del Rapporto prende spunto dal profondo gap oggi esistente fra il potenziale delle foreste come contributo allo sviluppo sostenibile e all’economia più verde e le conoscenze e le consapevolezze di un tale potenziale che, se fosse colmato, potrebbe indirizzare le politiche su una migliore gestione forestale, garantendo così benefici ambientali e sociali. Il settore forestale ufficialmente censito a livello planetario, assorbe circa lo 0,4 per cento della forza lavoro, corrispondente a circa 13,2 milioni di persone, equivalente ad un corrispettivo economico annuo di 600 miliardi di dollari (150 dollari per ogni ettaro). Una esigenza fondamentale nella storia dell’umanità quella che lega la foresta all’uomo, resa ben evidente anche da una bella rivisitazione della piramide delle aspirazioni umane, elaborata originariamente dal Maslow nel 1943, presentata nel rapporto.

Piramide di Maslow

L’assorbimento maggiore di manodopera è assorbito dalle aziende specializzate in prodotti di legno massiccio, con oltre 5,5 milioni di addetti, seguite dal comparto delle aziende produttrici di pasta di legno e di carta con 4,3 milioni di occupati. Esula molto spesso dalle statistiche nazionali l’occupazione informale e le stime contenute nel rapporto il forte impatto di questa voce nelle regioni meno sviluppate. Sempre analizzando il rapporto, sono stimate in circa 840 milioni le persone che raccolgano legno come combustibile, corrispondenti al 12 per cento della popolazione mondiale. E’ da segnalare in tal senso, come sia proprio il legno a rappresentare, per molte delle aree rurali dei paesi meno sviluppati del pianeta, l’unica fonte di energia, con 2,4 miliardi di persone che cucinano usando la legna come combustibile, e 764 milioni le persone che grazie al legname hanno la possibilità di sterilizzare l’acqua. Andando nel dettaglio, la legna rappresenta il 27 per cento della fornitura totale di energia primaria in Africa, il 13 per cento in America Latina e nei Caraibi e il 5 per cento in Asia e Oceania.

contributo_energia_primaria

Dati che però non fanno passare in secondo piano il ruolo delle biomasse nei paesi più sviluppati, nei quali, l’obiettivo di ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, ne ha determinato un grande rilancio anche grazie a tecnologie di valorizzazione sempre più sofisticate, scalabili, modulari ed a bassissima emissione di inquinanti. Al riguardo, sono circa 90 milioni di persone che tra Europa e Nord America utilizzano oggi l’energia fornita dalle biomasse legnose, come fonte principale di riscaldamento.

Sauro Secci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Etica e Sostenibilità e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...