“Costruire il futuro”: Il nuovo Rapporto Fillea-Cgil/Legambiente per l’efficienza energetica in edilizia con 600mila nuovi posti di lavoro

classiNella gravissima crisi che stanno attraversando le economie avanzate, particolarmente acuta nel nostro paese, il settore dell’edilizia è sicuramente quello simbolo della crisi, anche per una propensione che il settore ha avuto sino ad oggi, orientata quasi esclusivamente sul cemento e sulla occupazione di nuove aree, lasciando quasi completamente alla porta l’efficienza edilizia, fondamentale per poi avere una conduzione economica degli immobili. Molto importante in questo senso, è stata l’uscita, avvenuta in questi giorni del Secondo Rapporto dell’Oise (Osservatorio Innovazione e Sostenibilità nel settore edilizio) di Fillea Cgil e Legambiente, dal titolo eloquente “Costruire il futuro” e scaricabile in calce la post. Un tema sul quale la stessa Legambiente sta concentrando molte forze (vedi post “Efficienza energetica nei condomini: ecco la proposta di Legambiente”) Un Rapporto davvero completo teso ad offrire al comparto edilizio alcune possibili soluzioni per uscire da una crisi che ha portato, negli ultimi 6 anni, alla chiusura di ben 12mila imprese, con la perdita conseguente di centinaia di migliaia di posti di lavoro. Un settore, quello legato ad una nuova edilizia basata sulla efficienza energetica e sulla eco efficienza_energetica-edificisostenibilità, che non sfugge certo alla nuova pianificazione dei fondi comunitari europei 2014-2020, che riverseranno sul nostro paese risorse pari ad 7 miliardi di euro, con la potenziale creazione di almeno 600mila nuovi occupati nel solo settore della riqualificazione energetica degli edifici. Una occasione che certo questa volta l’Italia non può perdere e anzi dovendoli assolutamente giocarseli al meglio, vista la posta in gioco. Tanti motivi spingono in questa direzione, non ultimi diversi obiettivi sull’ efficienza energetica degli edifici, resi cogenti con le Direttive 2010/31/Ue (Direttiva Epbd – Prestazione energetica nell’edilizia) e 2012/27/Ue(Direttiva sull’efficienza energetica). Secondo il Presidente di Legambiente Vittorio Cogliati DezzaPer l’Italia è una occasione straordinaria per avere finalmente politiche coerenti ma serve un PON (Piano Operativo Nazionale, ndr) per le città che assolva al ruolo di ‘cabina di regia’ tra competenze sparse su più ministeri e diversi livelli istituzionali, per ridare centralità alle politiche urbane, anche in funzione anticrisi, rilanciando gli interventi dentro le città, ripensando gli edifici e riqualificando gli spazi urbani. Non è un cambiamento semplice, perché è anche culturale e riguarda tutti gli attori della filiera delle costruzioni, le pubbliche amministrazioni, l’organizzazione del lavoro. Ma è quanto mai importante perché ha al centro la manutenzione e rigenerazione di un patrimonio enorme, con problemi di vetustà e degrado, in un territorio fragile, esposto a rischi sempre più esplosivi e diffusi. Oggi è ampio il consenso nell’opinione pubblica sulla necessità di dare risposta ai grandi rischi del territorio italiano con una visione e una strategia che li sappia tenere assieme, che consenta di smetterla di inseguire emergenze sprecando risorse pubbliche per riparare i danni e spostando attenzioni e investimenti su prevenzione, manutenzione, innovazione.” Uno dei problemi più grandi nella attuazione delle nuove proposte è indubbiamente costituito dall’assenza di una regia nazionale delle azioni e dalle conseguenti sovrapposizioni di responsabilità a livello ministeriale sulle competenze sul tema della efficienza energetica tra Ministero delle infrastrutture, Ministero dello sviluppo economico e Ministero dell’Ambiente. Sarebbe quindi quanto mai necessario un coordinamento interministeriale nazionale, capace di dettare al meglio le linee di indirizzo per le azioni a livello regionale, scongiurando assolutamente il rischio, purtroppo tipico nel nostro paese, che i fondi della pianificazione 2014-2020 possano fare la stessa fine di quelli delle programmazioni precedenti.

mappa_normative_regionali

Un rapporto, quello realizzato da Fillea-CGIL e Legambiente, che sostiene fortemente l’opinione oramai diffusa che richiede finalmente una nuova edilizia in chiave efficiente ed ecosostenibile del mondo delle costruzioni che solo così potrà proporsi come volano della ripresa economica. Diverse davvero le opzioni fornite dal rapporto ai decisori politici, nella speranza di trovare finalmente adeguate risposte da una politica che stenta fortemente ad acquisire nuove, decisive visioni, oggi divenute irrinunciabili per il nostro futuro e per quello delle generazioni future.

Sauro Secci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fonti Rinnovabili, Efficienza Energetica, Ambiente e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a “Costruire il futuro”: Il nuovo Rapporto Fillea-Cgil/Legambiente per l’efficienza energetica in edilizia con 600mila nuovi posti di lavoro

  1. Pingback: Energy Management 2013: importante evento che ha fatto il punto sull’efficienza energetica in Italia | L'ippocampo

  2. Pingback: Un green ancora troppo sbiadito in questa fine d’anno, tra legge di “in-stabilità” e nuovi regolamenti tecnici: Politica dove sei??? | L'ippocampo

  3. Pingback: Terzo Rapporto annuale sull’efficienza energetica: ENEA fa la radiografia all’Italia | L'ippocampo

  4. Pingback: Efficienza energetica in ambito immobiliare: non è ancora percepita in tutto il suo valore | L'ippocampo

  5. Pingback: Rapporto Green Economy 2013 rapporto ENEA-Fondazione Sviluppo Sostenibile: un ancora di salvezza per l’Italia | L'ippocampo

  6. Pingback: Case passive: un fondamentale tassello per rifondare una edilizia “sostenibile” | L'ippocampo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...