Completata la prima abitazione del programma “Active House” anche in Canada

casaDopo il grande successo avuto in Europa e negli Stati Uniti, con numerose realizzazione di abitazione ad alta ed altissima efficienza, il progetto Active House (link network Active House),sbarca anche in Canada dove è stata recentemente inaugurata la Great Gulf House, una realizzazione architettonica che coniuga al meglio le tre fondamentali dimensioni dell’abitare confortevole, efficiente e sostenibile ambientalmente secondo lo schema delle abitazioni NZEB (Nearly Zero Energy Buildings). Un progetto Active House, scaturito molti anni fa da un’idea di una nota azienda europea leader nella produzione di serramenti e finestre per tetti, che intraprese la realizzazione di una linea di edifici ad alte prestazioni, capaci di integrare tra loro i tre principali e fondamentali fattori legati ad:

  • energia;
  • comfort;
  • qualità ambientale con specifico riferimento all’ambiente indoor. 

Tutto questi attraverso l’adozione di superfici vetrate, finestre e lucernari, inseriti anche come elementi tecnologici di valorizzazione. La nuova “Great Gulf Active House” (link sito), è stata costruita vicino a Niagara Region, nella città di Thorold nell’Ontario, e per la prima volta riduce il numero di elementi vetrati utilizzato, tipico delle Active House, adattandolo alle tradizioni locali. Si tratta di un progetto nato dalla sinergia tra un team di architetti danesi, il prestigioso e pluripremiato studio di architettura di Toronto Superkul (link sito), ed il costruttore Great Gulf, vettore principale della diffusione del concetto di Active House nel territorio canadese. Nonostante il numero di finestre inferiore rispetto alle Active House europee, nella nuova realizzazione canadese sono ben 14 i lucernari che inondano di luce naturale la Great Gulf diminuendo drasticamente le esigenze energetiche dell’abitazione. A livello di sistemi attivi poi, ne abbiamo una serie capace di incrementarne notevolmente le prestazioni riducendo i fabbisogni, ed in particolare:

  • impianto tecnologico dual-zone HVAC collegato al cervello domotico “Smart House” permette la regolazione dei parametri climatici interni come temperatura, umidità e ventilazione naturale, in maniera separata per ciascuna stanza, climatizzando solo gli ambienti utilizzati;
  • sistema domotico che gestisce anche l’apertura delle finestre e dei lucernari, le schermature solari esterne ed interne, la pompa di calore connessa all’impianto solare, il sistema con recupero di calore dalle acque di scarico ed il sistema di ventilazione;
  • Illuminazione LED 
  • bacino per la raccolta ed il trattamento delle acque piovane.

Un insieme di accorgimenti e di adozioni che consentono alla nuova struttura il raggiungimento di performance assolute nelle tre dimensioni di efficienza energetica, confort e qualità ambientale integrale, come ben riepilogato nel diagramma a radar seguente.

radar_montfoort

I consumi elettrici della abitazione poi, provengono da un fornitore locale con fornitura di matrice rinnovabile al 100%. Il comfort interno e tutto quello che gravità intorno alle principali minacce alla base del cosiddetto “inquinamento indoor”, trovano risposteinterno convincenti nella nuova abitazione per determinare una casa all’insegna della salubrità, della sicurezza e del confort assoluto. Una caratteristica che accomuna tutti i progetti targati Active House, orientati al rispetto delle esigenze degli occupanti della casa, e che trova ampi riscontri anche nel Great Gulf House canadese. Una impostazione così fortemente orientata ai serramenti ed alla illuminazione naturale, non poteva non essere attenta all’orientamento dell’edificio, rigorosamente verso sud e con una attentissima collocazione proprio dei lucernari, oltre che per massimizzare la produzione dell’impianti fotovoltaico e solare termico. Il sistema domotico infine, ideale anello di congiunzione tra efficienza energetica e comfort dell’abitazione, quando la temperatura interna raggiunge i 23°, comanda un sistema di apertura automatica dei finestre-lucernario sul tetto, generando così una naturale ventilazione interna che va ad abbassare la temperatura. Altro caposaldo fondamentale per la Great Gulf Active House, è costituito dal rispetto per l’ambiente, attraverso una gestione dell’intero processo costruttivo e produttivo dei singoli componenti edilizi, finalizzata ad azzerare il consumo di risorse energetiche non rinnovabili, il consumo di acqua dolce ed i carichi ambientali verso l’atmosfera e il suolo. Un bilancio energetico complessivo, quello della Great Gulf Active House, assolutamente positivo, a tal punto da aver conseguito un ottimo punteggio finale, con la nuova abitazione oggi disponibile sul mercato per tutti coloro che desiderano vivere in una casa sana, ad impatto ridotto e senza sprechi. A seguire un interessante contributo video del commissario europeo per l’azione per il clima della UE, la danese Connie Hedegaard che illustra il progetto Active House, come approccio nel lambito degli edifici Nearly Zero Energy Buildings

Sauro Secci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fonti Rinnovabili, Efficienza Energetica, Ambiente e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Completata la prima abitazione del programma “Active House” anche in Canada

  1. Pingback: Completata la prima abitazione del programma “Active House” anche in Canada | barbaror

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...