Giornata mondiale della bicicletta, com’è la situazione in Italia?

bici2Si è celebrata ieri la giornata mondiale della bicicletta, una manifestazione di riferimento ed appuntamento fisso per la promozione della mobilità sostenibile che ha visto la manifestazione più importante tenutasi in Italia tenutasi a Milano, oltre che a Napoli, con il Cyclopride, ma raduni e pedalate a cavallo tra protesta e proposta si sono tenute un po’ un tutte le più importanti città del pianeta, con un richiamo forte, per chi è chiamato a scelte pianificatorie, ad operare per una maggiore tutela e per maggiori opportunità di utilizzo delle due ruote. Nel nostro paese, un dato che ha indubbiamente stupito è costituito dal fatto che lo scorso anno sono state vendute, per la prima volta da mezzo secolo, con una significativa inversione di tendenza, più bici che auto, ponendo basi importanti per disegnare davvero una nuova mobilità decisamente più sostenibile. Secondo i dati di Legambiente, che da anni monitorizza le dinamiche della mobilità ciclistica, attraverso il rapporto annuale “Ambiente Italia 2013“, realizzato in collaborazione con l’Istituto Ambiente Italia, presentato poche settimane fa, le nuove immatricolazioni sono passate dalle 42-43 auto ogni 1.000 abitanti degli inizi 2000 (a fronte di una media di 38 auto per 1.000 abitanti nell’area euro) al minimo di circa 29 auto ogni 1.000 abitanti raggiunto nel 2011. Le vendite di biciclette invece, storicamente pari a circa i 2/3 delle nuove auto, hanno subito un rallentamento meno vistoso e hanno uguagliato e superato quelle delle auto. l’Italia si pone come il terzo Paese con più biciclette, alle spalle soltanto di Germania e Regno Unito, pur considerando il più alto numero di residenti, che fa un po precipitare il numero di biciclette procapite. L’ultimo aggiornamento statistico completo per il nostro paese, risale al 2011, quando in Italia circolavano un milione e 750 mila biciclette, una ogni 35 abitanti, davvero poche se rapportate, per esempio, all’Olanda, dove il dato medio pro-capite scende addirittura ad una bici ogni 5 abitanti. Il 2012 però è stato un anno record per l’acquisto di bici nel nostro paese, anche sulla spinta di una crisi che sta davvero colpendo duro. In termini assoluti, ovviamente, siamo ancora lontani dal record delle auto, di cui siamo assoluti leader europei, dal momento che in Italia, nel 2011 circolavano oltre 37 milioni di veicoli. Comunque, nonostante il declino delle nuove immatricolazioni, il tasso di motorizzazione in Italia, continua a crescere rimanendo ai vertici dell’Unione europea e del mondo. In Italia la motorizzazione privata e le percorrenze in auto sono tra le più alte d’Europa. Nel 2011 siamo sopra le 60 auto ogni 100 abitanti, rispetto alle 50 della Germania e alle 47 della media dell’Unione europea. Anche le percorrenze automobilistiche in Italia sono superiori alla media europea (il 22% in più) e a quelle della maggior parte degli altri Paesi europei. Più rilevante, invece, è la differenza per il trasporto pubblico urbano, soprattutto nelle principali città, dove in altri Paesi europei è più rilevante sia la quota di movimenti ciclabili sia quella con mezzi pubblici con particolare riferimento a  tram e metropolitane. Anche tenendo conto delle ultime positive dinamiche comunque, il numero delle bici in passato in Italia è stato superiore. Il picco degli ultimi 20 anni è stato toccato nel 2007 quando le bici erano quasi 2 milioni. Secondo le ultime statistiche l’anno del boom 2012 dovrebbe aver portato a raddoppiare il numero di bici circolanti, anche se i dati 2012 non sono ancora consolidati. Molte le motivazioni per cui la mobilità in bici stenta a decollare, essenzialmente di natura strutturale e pianificatoria, che limitano fortemente gli aspetti di sicurezza stradale. Tutto questo in un contesto che vede, soprattutto nel Nordciclo6h Italia, crescenti movimenti di protesta contro le decine di morti lasciate sulle strade ogni mese, guardacaso però laddove si concentrano la gran parte delle piste ciclabili. Un divario importante quello tra Nord e Sud nel nostro paese, con 2.500 piste ciclabili localizzate in Italia Settentrionale con le appena 200 presenti nel Sud Italia. Inquietanti anche i dati ISTAT, sulle vittime della strada, dove nel 2011, si sono registrati ben 205 mila incidenti con quasi 4000 morti. Un bollettino sicuramente fortemente mitigato da una maggiore presenza di biciclette ed un decremento delle auto.Anche quest’anno molto varie le iniziative come l’iniziativa promossa dal Ministero dell’Ambiente costituita dal concorso fotografico Città in Bici, aperto a tutti i fotografi, anche amatoriali, cittainbiciche potranno mettere in evidenza, attraverso le immagini scattate, le straordinarie bellezze delle città secondo una chiave di lettura ciclistica. Per i Comuni poi il concorso Bicity, sempre con la promozione del Ministero dell’Ambiente, che nel corso dell’ultimo anno si è concentrato sulla realizzazione ed estensione dei percorsi ciclabili in rapporto alla popolazione residente. Iniziative come questa stanno individuando anche interessanti percorsi di riscoperta e riconversione in chiave ciclabile e cicloturistica di vecchie infrastrutture viarie come vecchi percorsi ferroviari dismessi, ho strutture viarie e fianco di vecchie infrastrutture come canali, argini fluviali etc. Ulteriore manifestazione che si aggiunge alle tanta, anche quella del progetto Bimbimbici, che ha visto il coinvolgimento di oltre 100 città italiane che hanno chiuso il traffico automobilistico il centro cittadino, per permettere la piena fruibilità urbana da parte di grandi e piccini per pedalare in piena sicurezza.

A seguire il video “Se mi vuoi pedala” realizzato dalla Fondazione Cinema per Roma e dedicato proprio alla Giornata Nazionale della Bici.

Sauro Secci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mobilità Sostenibile e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...