Bioindicatori ambientali: a rischio le api, il più grande sensore ambientale planetario

apiEssendomi occupato per moltissimi anni con grandissima passione di monitoraggio ambientale della qualità dell’aria intorno a siti industriali, effettuato con postazioni meteorologiche e chimiche fisse al suolo, meglio note come “centraline”, sono venuto a contatto più volte con tecniche complementari ed integrative di valutazione della qualità degli ecosistemi effettuate attraverso il monitoraggio della vita di esseri viventi afferenti sia al regno vegetale come i licheni, che animale, una serie di tecniche che si raccolgono sotto il nome di “biomonitoraggio”, o addirittura andando oltre, quando il bio-elemento prescelto riesce a fornire anche indicazioni sulle concentrazioni di taluni inquinanti, elevandosi al livello di “bioaccumulatore”.

Sono tanti i ricordi nei quali ho incrociato la mia esperienza professionale con il biomonitoraggio, ne ricordo uno molto significativo, fatto molti anni fa in un liceo del territorio in cui vivo, dove ho avuto il piacere di coinvolgere insegnanti ed alunni in una ricerca sull’evoluzione dei trasporti nel territorio ed organizzato una campagna di misura dei flussi di traffico fatta proprio dagli alunni. In quella circostanza, una volta raccolti i dati sui flussi veicolari, questi erano elaborati (dati in pasto) insieme ad alcuni dati meteorologici raccolti sul territorio, ad un modello di simulazione di ENEA, che dava come risultati, le concentrazioni al suolo degli inquinanti da traffico veicolare come PM10 e CO e quindi della Licheni-de-piatraqualità dell’aria. Proprio in quella circostanza, per validare e valutare la precisione dei dati elaborati dal modello matematico da noi utilizzato, un altro gruppo di studenti, assistiti da un specialista di ARPAT e l’insegnante di biologia, si erano cimentati proprio in una campagna di biomonitoraggio lichenico (simbiosi perfetta tra un alga ed un fungo) e quindi atmosferico (vedi foto a sinistra) effettuata sugli alberi dei tratti stradali sotto studio.

Indubbiamente un settore fondamentale ed integrativo sia delle tecniche strumentali che modellistiche del monitoraggio ambientale il biomonitoraggio, che come dicevamo utilizza anche la mappatura di esseri viventi animali come per esempio il rospo, che come anfibio,rospo rappresenta una componente fondamentale dell’equilibrio ecologico dei nostri ecosistemi, nonostante molte persone conoscono poco questo animaletto e magari non apprezzandolo. Animali i rospi che, oltre a contribuire al contenimento delle popolazioni di insetti parassiti dell’uomo come la zanzara e di altri invertebrati dannosi per l’agricoltura come le lumache, rappresentano grandissimi bioindicatori dal momento che possono vivere bene solo in determinate condizioni, altrettanto favorevoli per l’uomo, e sensibilissimi al verificarsi di drastiche alterazioni dei vari parametri ambientali, specie per quanto riguarda l’igrometria e la presenza di inquinanti, essendo tra i primi animali a soffrirne.
Ma il bioindicatore animale “integrale” per eccellenza è senza dubbio l’ape, questo straordinario insetto che oltre ad offrirci frutti di inestimabile valore di vita, come miele, papa reale, cera, etc, è l’unico che ogni giorno è capace di esplorare tutte le tre dimensioni ambientali come l’atmosfera (aria), l’idrosfera (acqua) e la litosfera (suolo), a tal punto che una loro riduzione anomala o moria, è sicuramente riconducibile a gravi scompensi ambientali ed a presenze di contaminati nei diversi ambiti di riferimento. Un insetto l’ape,api_acqua capace di esplorare ed acquisire informazioni importantissime su chilometri e chilometri di aria, acqua (vedi foto a destra) e suolo. Da anni sentiamo parlare di drastica riduzione di questo straordinario “vettore di vita” e “sensore ambientale integrale”, quale è l’ape, indice sicuro di un degrado nella qualità complessiva dei nostri ecosistemi, ma le indicazioni scaturite dall’ultimo rapporto di GreenPeace, dal titolo “Api in declino”, scaricabile in calce al post, mi ha non poco e ulteriormente allarmato. Assieme al Rapporto di GreenPeace, sempre in calce al post, riporto con immenso piacere un sintetico documento che parla delle tante modalità di utilizzo della api come bioindicatore, in tre fondamentali ambiti come pesticidi, metalli pesanti ed addirittura radionuclidi elaborato dal Professor Claudio Porrini del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA), Entomologia, Università di Bologna dal titolo “Le api come bioindicatori dell’inquinamento ambientale“. Un Rapporto, quello della grande organizzazione ambientalista, che evidenzia come il mondo senza api potrebbe anche essere maggiormente esposto alla fame. Infatti la carenza di api e di altri insetti dediti all’impollinazione, metterebbe a rischio almeno il 75% delle colture con una “riduzione della produttività” i cui danni sarebbero stimati in un valore pari a 265 miliardi. Tra i settori food più colpiti ovviamente frutta e verdura, ma anche mangime per l’allevamento, con riflessi negativi soprattutto sulle produzioni di mele, fragole, pomodori e mandorle. Un importanza fondamentale in chiave ecologica ed economica secondo il Rapporto GreenPeace che imputa ad alcuni pesticidi il fattore principale della drastica diminuzione di popolazione di questi fondamentali insetti.

Secondo il report, come dicevamo, “la stima più recente dei benefici economici a livello globale legati al valore delle colture che dipendono dall’impollinazione ammonta a circa 265 miliardi di euro“, anche se, la stessa Greenpeace precisa che calcolare il valore reale dell’impollinazione sarebbe praticamente impossibile. Da considerare inoltre che dagli insetti che si dedicano all’impollinazione dipende anche la riproduzione di fino al 90% delle piante selvatiche, al pari di tanti altri servizi ecosistemici e habitat naturali.
Criticità fondamentali nella valutazione della salute di questi insetti oltre a malattie e parassiti secondo il Rapporto, la mancanza di dati sulle popolazioni e quindi la difficoltà ad accorgersi del declino, un aumento della produzione alimentare superiore alla crescita della popolazione globale di api domestiche, le differenze a seconda delle regioni e le pratiche agricole industriali e i cambiamenti climatici. Ma non vi è dubbio per Greenpeace che “alcuni pesticidi costituiscono un rischio diretto per gli insetti impollinatori”, ed in particolare per le api. Per questo e tenendo conto anche della valenza ambientale di bioindicatore ambientale integrale di cui parlavo in premessa, GreenPeace ha lanciato una nuova campagna europea per salvare le api (link sito salviamoleapi.org), orientata alla promozione di una agricoltura di stampo ecologico. In particolare ci si concentra su “alcuni pesticidi, tra i quali i neonicotinoidi che rivestono il ruolo di veri e propri killer”. Tra questi ne sono stati individuati ben sette che per l’associazione ambientalista “devono essere subito vietati a causa della loro tossicità estremanente alta”. Greenpeace chiede ai governi europei un impegno per sostenere una recente proposta della commissione Europea su tre neonicotinoidi, già sospesi in Italia fino dal 2008. Federica Ferrario, Responsabile campagna agricoltura sostenibile di Greenpeace sostiene che “Non possiamo permetterci di perdere le api e il resto degli impollinatori naturali e l’Italia e gli altri Paesi europei devono agire per vietare queste sostanze“. Uno studio davvero importante e fondamentale che ci ricorda che, anche attraverso la loro grande valenza di bioindicatori “gli altri animali ci guardano e dobbiamo fare si che continuino a farlo, nel loro e nel nostro interesse, oltre al fatto di ricordarci, ogni volta che vediamo uno di questi esseri viventi, la loro importanza per la nostra vita .

A seguire, ad ulteriore supporto di quando dicevo nella prima parte dell’articolo circa l’ape come bioindicatore assoluto, specificatamente per inquinamento radioattivo da radionuclidi, questo interessante servizio del TG scientifico del TG3, TG LEONARDO che ci parla di questo utilizzo delle api come biondicatore a Rorondella in Provincia di Matera, che ospita il centro ENEA TRISAIA all’interno del quale la società preposta alla gestione dei rifiuti radioattivi nazionali, SOGIN, sta gestendo la dismissione e la messa in sicurezza di rifiuti liquidi ad alta radioattività, con un contributo anche del Professor Porrini, autore del piccolo approfondimento sul tema allegato in calce. Pensate che a conferma di quanto dicevo precedentemente, ogni ape può coprire e dare indicazioni su un territorio di addirittura 7 Km2, a conferma della loro conclamata operosità.

Scarica il Rapporto GreenPeace “Api in declino”

Scarica il documento del Prof. Claudio Porrini UNIBO “Le api come bioindicatori dell’inquinamento ambientale

Sauro Secci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Impatto Ambientale, In evidenza e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Bioindicatori ambientali: a rischio le api, il più grande sensore ambientale planetario

  1. Pingback: In questi giorni bui per l’Italia un amico pieno di luce che ci regala ogni giorno la sua “vita straordinaria” | L'ippocampo

  2. Pingback: I sempre più incredibili paradossi della civiltà dei consumi: le api in fuga dalle campagne verso le città a causa dell’agricoltura intensiva | L'ippocampo

  3. Pingback: Agricoltura biologica mondiale: si fa strada anche l’Italia secondo ISPRA | L'ippocampo

  4. Pingback: Agricoltura sostenibile: i sette punti fondamentali secondo Greenpeace | L'ippocampo

  5. Pingback: Sostenibilità: il “Rinascimento” italiano passa anche attraverso il più prezioso dei filati nel segno dell’etica | L'ippocampo

  6. Pingback: “Tossicodipendenza” da pesticidi in agricoltura: a rischio l’impollinazione in Europa secondo Greenpeace | L'ippocampo

  7. Pingback: Monitoraggio ambientale urbano: a Torino arrivano anche le api | L'ippocampo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...