ENEA e E.On: un libro su “Le tecnologie delle fonti rinnovabili di energia”

Le tecnologie_ENEA_EONNon manca certo occasione nei post che pubblico sul blog, di rimarcare l’assoluta mancanza di una politica energetica di lungo respiro in un Paese come il nostro, atavicamente caratterizzato da fortissime dipendenze energetiche, che ne hanno fino ad oggi limitato pesantemente lo sviluppo, con casi di crisi aziendali, come quella dell’ALCOA di Portovesme, in Sardegna, nelle quali, la questione energetica è quella determinate (vedi post “Aquiloni eolici per salvare il-colosso italiano dell’alluminio…….). Purtroppo in questo paese, come ho ricordato più volte, manca un documento programmatico di lungo periodo in tema di energia, di fatto da oltre 25 anni, da quando cioè fu redatto l’ultimo P.E.N. (Piano Energetico Nazionale) come si chiamava allora, poco dopo il disastro di Chernobyl, quando certamente la “rivoluzione verde” non si era ancora messa in moto. La bozza della nuova  SEN (Strategia Energetica Nazionale), attende ancora il varo con la bozza lasciata dal Governo uscente, per certi versi davvero discutibile dal momento che porta, tra gli argomenti centrali, un piano massiccio di trivellazioni per gli idrocarburi nei nostri mari, con dei programmi elettorali che, seppur differenziati anche di molto tra loro, non portano nel giusto risalto la questione energetico-ambientale, cruciale per risollevare il paese (vedi post Poco ambiente ed energia nei programmi della politica: appello   delle associazioni).

Significativa, in questo senso, la presentazione di un libro, Le tecnologie delle fonti rinnovabili di energia,  pubblicato da ilSole24ore, avvenuta in questi giorni, presso la sede centrale ENEA, e redatto dallo stesso ENEA ed E.ON, nelle figure di Pietro Maria Putti, sub-commissario dell’ENEA, e di Oreste Bramanti, direttore Energie Rinnovabili di NIS Gazprom Neft. Si tratta di una puntuale ed esauriente ricognizione sulle tecnologie alla base della utilizzazione delle fonti energetiche rinnovabili come solare, eolico, geotermico, idroelettrico e biomasse, con una appendice particolare all’oramai collaterale ed integrato tema dei sistemi di accumulo, divenuti fondamentali per la consacrazione di un nuovo modello energetico basato sulle energie pulite. Si tratta di un documento che si prefigge di fornire un valido strumento di supporto alle decisioni per gli amministratori pubblici per l’attuazione delle politiche energetiche a livello regionale e locale, che ha visto un ampio contributo alla redazione di molti ricercatori di ENEA, ente che detiene il presidio italiano a livello delle migliori competenze sulle tecnologie per le rinnovabili, operando da anni in piena sinergia con i maggiori centri di ricerca universitari italiani e svolgendo attività di trasferimento tecnologico alle industrie del settore. Un settore, quello delle rinnovabili, non certo risparmiato dalla crisi economica, ma nell’ambito del quale si è costituita in Italia, negli anni scorsi una autentica filiera tecnologica che merita la massima attenzione, fondamentale com’è per la ripresa del Paese. L’ Italia, dove nel settore delle rinnovabili lavorano oltre 100 mila persone lavorano in questo campo, è divenuta, nel 2010 il primo mercato al mondo nel fotovoltaico con 9,3 GW installati, grazie ad una politica di incentivi che sono riuscito a sostenere fortemente la domanda. In questo momento di svolta, più che mai, è fondamentale una politica energetica capace di investire maggiormente in ricerca e sviluppo nelle rinnovabili per consentire una maggiore capacità di offerta interna, come è  avvenuto in altri Paesi europei, determinando la creazione di nuove figure professionali e lo sviluppo di autentiche filiere produttive ad alta innovazione tecnologica, vista la presenza di fondamentali di tutto rispetto, di cui abbiamo avuto modo di parlare spesso su questi blog e purtroppo ancora non elevati a sistema.

Certo già oggi filiere produttive di eccellenza in ambiti specifici non mancano certo, nel nostro paese come le aziende che operano nel settore del solare termodinamico a concentrazione o la filiera del bioetanolo di ultima generazione, di cui è in sviluppo una grande bioraffineria in Provincia di Vercelli, con ENEA a fare da supporto tecnologico. Come dicevamo, la realizzazione del volume ha visto la partecipazione anche di E.ON, uno dei maggiori gruppi energetici privati mondiali, impegnato continuamente sui fronti della divulgazione e della conoscenza scientifica, della ricerca e della formazione, presupposti fondamentali per la creazione di un modello energetico veramente sostenibile. Forte nel libro l’enfatizzazione delle energie rinnovabili come uno dei pilastri fondamentali per traghettare il paese fuori dalle secche della crisi economico finanziaria che richiede enormi incrementi di efficienza dei sistemi, ed enormi margini da recuperare sul fronte delle risorse ambientali. Un ulteriore stimolo, che speriamo possa essere colto dal nuovo Governo che si troverà sul tavolo la bozza della nuova SEN (Strategia Energetica Nazionale), e crediamo che di cose da rivedere ce ne siano, anche per meritarsi tale appellativo, nel segno di uno sviluppo economico sostenibile che non potrà non puntare su fonti rinnovabili ed efficienza energetica, per diminuire finalmente ed in maniera definitiva la dipendenza dai combustibili fossili.

A seguire un breve filmato che illustra la presentazione del nuovo documento tecnico di consultazione

Sauro Secci

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fonti Energetiche e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...